Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘uomo e natura’

E’ pieno agosto e l’unico posto in cui penso si possa stare con vantaggio e piacere è la propria casa, se è in montagna, frequentata da amici e un po’ defilata dalle rotte vacanziere di massa, come è la mia. E tuttavia da qualche sera faccio uno strano esercizio: mi chiedo dove vorrei essere, se una bacchetta magica potesse trasferirmi a mio piacimento, niente code e autostrade e, dopo l’aperitivo o una soirée culturale, mi riportasse a casa. Martedì scorso avrei voluto trovarmi al giardino Bardini di Firenze all’ora del tramonto, a sorseggiare un pernod affacciata sulla città da quella ariosa terrazza panoramica. Ho visto il giardino arrivando a piedi da Boboli attraverso ripide stradine antiche che altrimenti non avrei mai scoperto, e mi è piaciuto molto. Ma vorrei rivederlo perché allora non era ancora terminato il restauro della villa, dove mi pare che adesso ci sia una mostra interessante, con le installazioni dell’artista Michele Dantini che indaga sul rapporto tra uomo e natura.
Ieri sera invece qualcuno mi ha nominato Malta e io ho desiderato di essere nel giardino di Palazzo Parisio a Naxxar. Certamente per il giardino, di cui parlerò una delle prossime volte, ma anche per la compagnia deliziosa della proprietaria Christiane Ramsey Scicluna e di sua figlia Justine e per quell’atmosfera sospesa tra colori e aromi esotici, affabilità, meringhe d’autore, scaloni marmorei, tensione di una scommessa e, dietro al muro, implacabile credo ad ogni ora, lo sparo di un cannone in direzione del mare. Quasi un simbolo tra ciò che dà in termini di pace e benessere un giardino e le battaglie contemporanee che stanno fuori dalle sue mura. Mentre aspetto di sapere dove mai vorrò essere stasera (dopo un giorno di pioggia  l’aria si è raffreddata: potrei forse desiderare una meta calda), da questa postazione giardinieristica affido alla rete un saluto per Christiane e per la sua famiglia, con preghiera che si godano loro per me un aperitivo nel dehors del Marquis’s Coffee, sotto la grande araucaria verso le 20,30 e con l’ultimo sole che accarezza le siepi del giardino all’italiana e le buganvillee ‘Rosenka’ sulla serra. Salut! Lunga vita ai giardini.

Read Full Post »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 941 follower