Mostre di giardinaggio autunnali: ieri Murabilia a Lucca

Non ho tempo ora di parlarne diffusamente, ma prometto di farlo al prossimo appuntamento. Ieri ero a Lucca in occasione di Murabilia, la mostra di giardinaggio che si svolge sulle mura da sette anni a inizio settembre e desta un notevolissimo interesse. Quest’anno il tema portante era doppio: “Variegature” e “Bambù”. Ho speso il mio tempo a guardare e imparare, per esempio da gente come Davide Picchi della Casina di Lorenzo che giocava in casa alla grande con le sue piante esotiche e dall’ormai francese Dino Pellizzaro con le sue meraviglie sommesse che bisogna guardarle con calma ad una ad una per capire che si tratta di piante mai viste. Quasi quasi sono stata più tempo ancora ad ascoltare l’intreccio di conversazioni tra espositori e pubblico. Musica per le orecchie. Un agronomo ricercatore pisano ha spedito la moglie a mettere banco con i peperoncini appena maturi, sui quali lavora da un decennio. La signora, puntualissima, li vendeva per fare semenza a un euro l’uno (ma a due euro le cinque o sei selezioni differenti della varietà ‘Habanero’, la più piccante in assoluto nella scala di Escoville) e soprattutto spiegava con entusiasmo e spirito di didatta. Ogni tanto al suo tavolo coperto di peperoncini gialli rossi verdi neri lunghi corti tondi conici larghi e stretti arrivava un visitatore con un sacchetto. E dentro un peperoncino da determinare o una storia da raccontare: “Questo me lo ha portato dal Surinam…”, “Questo è nato per chissà quale mutazione nel mio orto: per vent’anni sono stati sempre tutti uguali, adesso invece guardi qua…”. E, davanti allo stupore della signora per un peperoncino mai visto (persino da chi ha un marito che li ricerca e ne ha selezionato qualche centinaio), la bellezza del gesto: “Se le interessa glielo lascio, così lo può far seminare”. L’orticoltura va avanti anche grazie a questi passaparola, alle piccole generosità collaborative che legano il vivaista, il ricercatore scientifico, l’amatore appassionato. Bisognerebbe ricordare, anche quando non c’è Murabilia a Lucca, che nella storia dei viventi se non tutto, quasi tutto parte da un seme.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...