Riscaldamento del pianeta: siamo tutti coinvolti

Girovagando su internet in cerca di informazioni suplementari sul paesaggista Gilles Clément (dice che la Francia gli va stretta per via di Sarkozy e platealmente ha deciso di andarsene a lavorare altrove, in primis in Italia) sono finita in un blog francese di geografia legato all’Università di Saint Etienne. Se si ama la natura e si hanno a cuore le sorti del pianeta non si può vivere di sole piante, così mi sono fermata a leggere. Per esempio questo, che tradotto suona così: “Per comprendere l’impasse in cui si trova il dibattito sul riscaldamento del pianeta, basta considerare i lettori mp3. La maggior parte di essi viene fabbricata in Cina, dove la principale fonte energetica è il carbone. Per ogni lettore mp3 fabbricato, nell’atmosfera vengono liberato circa 8,5 kg di diossido di carbonio…. Si tratta allora di sapere se il governo cinese è responsabile dell’inquinamento atmosferico quando un gadget è fabricato in Cina per conto di una azienda americana che poi lo esporta ad uso di consumatori di Stoccolma o di San Paolo del Brasile.”  Riportando questo punto di vista di Jane Spencer del Wall Street Journal, il blog conclude che, comunque la si voglia pensare, siamo tutti coinvolti perché, anche se le emissioni di CO2 in Europa diminuiscono, il motivo è solo il trasferimento delle produzioni inquinanti: “L’incidente nucleare di Cernobyl ci ha insegnato, e il riscaldamento atmosferico lo conferma, che l’innalzamento di temperatura toccherà zone geografiche precise secondo una logica molto complessa, ma l’innalzamento degli oceani sarà globale”. Tutti coinvolti, insomma, anche noi dei giardini che pratichiamo qualche consumismo in meno.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...