Un bouquet di fiori per la festa della mamma

rose-bouquetLeggo che ben 3 milioni e mezzo di italiani acquistano fiori per farne omaggio alle mamme nel giorno della loro festa, con un aumento del 15% negli ultimi anni. I dati sono ufficiali, raccolti da Ismea ac Nielsen ed elaborati da Coldiretti e si addentrano anche in una classifica dei fiori preferiti per questa ricorrenza:  prima di tutto rose, poi bouquet misti e in terza posizione lilium. Interessanti anche i dati in termini economici: circa 50 milioni di euro. Ho letto queste statistiche, insieme ad altre che riguardano il numero e le fasce di età degli italiani che praticano il giardinaggio, sul sito di un amico maestro fioraio catanese, Rosario Alfino. Non lo vedo da anni, ma ho di lui il ricordo di una persona estremamente creativa e sensibile e da qui gli invio un saluto affettuoso. Nel suo sito (www.aliflora.it) Rosario vende bouquet di fiori on line e offre consigli su come conservare a lungo i fiori recisi. So che se glielo chiedessi me lo lascerebbe fare, perciò ne riporto qui alcuni interessanti.
– Riempire un vaso di acqua pulita dopo averlo ben sciacquato, se necessario, anche con candeggina.
– Per taluni fiori a gambo molle la dose di acqua deve essere ridotta: per le gerbere deve essere di circa 6-10 cm. Per le rose l’altezza dell’acqua deve essere almeno pari al 50% dell’altezza della rosa.
– Quando non è disponibile il nutrimento per fiori recisi cambiare l’acqua ogni giorno lavando bene il vaso e tagliando i gambi.
– Non esporre i fiori al sole né alle correnti d’aria e neppure vicino a qualunque fonte di calore perché in tal modo viene accelerata l’evaporazione dell’acqua dalle foglie e dal fiore che non può essere compensata dall’aspirazione dell’acqua dal vaso da parte dei fiori.
– Non posizionarli vicino alla frutta perché essa emana etilene che è un potente gas dannoso per i fiori e li fa appassire molto velocemente.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...