Il cembalo è un albero?

Prova di ammissione del settembre scorso ai corsi di laurea in Architettura, test di logica e cultura generale. Il cembalo è: uno strumento musicale; una conifera; un insetto; una danza allegra; uno strumento da falegnameria. Viene a trovarmi mio nipote Patrizio, mi porta su internet a vedere in che cosa è consistita la prova per poter frequentare la facoltà di Architettura e alla prima domanda, cui ha risposto in modo corretto perché è un musicista, io gli chiedo come si chiama invece la conifera che ha un nome simile. Non lo sa, non ne sa niente neppure quando gli dico che è il cembro, pino cembro delle nostre montagne. Ovvero: nella cultura generale un albero che è vanto delle Alpi sopra i 1600 metri, che campa centinaia di anni, che offre un ottimo legno da falegnameria riconoscibile già dal profumo che emana, che forma boschi indimenticabili anche a due passi dalla città piemontese in cui lui abita, non è in alcun modo partecipe della sua cultura generale. Sul fatto che Patrizio sia un diciannovenne colto, non ho dubbi: è in grado di reggere una conversazione sulla filosofia presocratica, sulla musica di Chopin, sul ruolo degli Allium in giardino, sui musei di Barcellona e di Roma e sul loro contenuto. Ma che esista il cembro no. Siamo andati insieme a cercare la scheda su Wikipedia e ce la siamo letta. Chissà mai che all’indirizzo http://it.wikipedia.org/wiki/Pino_cembro un ragazzo di oggi con discrete basi culturali possa capire che le piante appartengono alla cultura di tutti, non solo dei botanici, dei naturalisti e dei giardinieri. E di quella zia pedante che vede sempre piante dapperttutto, uffa.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...