Una foto, una storia (dal 9 gennaio 2009)

La foto della testata dal 9 gennaio 2009
Gennaio e il calicanto

cropped-chimonanthus-praecox-per-testata2.jpg

Mio marito ed io abbiamo trascorso il primo giorno dello scorso anno a Mandello, cittadina del lago di Como, sopra Lecco. E nel pomeriggio, con l’amica Marisa che lì ha casa e mamma, siamo andati a fare una passeggiata tra vicoli e viottoli. Ho esultato quando mi è capitato a tiro un calicanto (Chimonanthus praecox, famiglia delle calicantacee) tutto fiorito, individuato prima con l’olfatto che con lo sguardo oltre il muretto di pietra di una proprietà. Non so se sia la specie, introdotta dalla Cina nel 1766, o una varietà. In archivio ho foto di calicanti molto più gialli e con fiori più aperti, “gialle stelle marine” scriveva Vita Sackville-West. A detta dell’Hillier ci sono due sole varietà: ‘ Grandiflorus’ con fiori più grandi della specie tipica e di un giallo più carico e ‘Luteus’, più tardivo e con fiorellini giallo chiaro.
Per chi sta facendo propositi di tante nuove piante per il 2009 (magari a costo zero, dati i tempi), riporto l’autorevole consiglio di Vita Sackville-West su come riprodurre il calicanto: “Lasciate che alcuni rami maturino il loro frutto a forma di zucca e seminate il seme, una volta maturo, in un vaso o in una terrina da semina. Germinerà molto generosamente.”

Una nota tecnica, se piace. Ho elaborato la foto con Photoshop, filtro “Effetto pennellate” con le seguenti tarature: dimensioni pennello: 4; contrasto: 3; tipo pennello: molto sottile.
A farmi da colonna sonora il sassofono del norvegese Jan Garbarek alle prese con “In praise of dreams” del 2004, accompagnato alla viola da Kim Kashkashian (americana di origine armena e ora residente a Monaco di Baviera) e alla batteria da Manu Katché, francese di origine africana. Tra immagini di chimonanthus-praecoxcorolle che sbocciano nel cuore dell’inverno e lo profumano e i suoni del mondo che sono i miei preferiti, un’atmosfera adorabile per affrontare l’anno e dimenticare, se possibile, tutti questi giorni sommersi dalla neve.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

2 thoughts on “Una foto, una storia (dal 9 gennaio 2009)

  1. ..sommersi dalla neve…si ..ma anche incapaci ormai di gestirla e di viverla..forse solo per questo vero hai perso la poesia e il mistero della neve..?..buon lavoro e felice anno..silvana

    Mi piace

  2. Sono almeno 5 anni che cerco una di queste piante che mi ricordano, chissà perchè, terre orientali e lontane con i loro profumi. Spero di averne una a Rabier, affinchè il loro frutto germinato generosamente dia vita a tante piante con tanti fiori che inondino del loro profumo tutto il percorso che collega noi a voi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...