Sette note solo un po’ musicali

Turismo e giardini. La scorsa settimana sono andata alla BIT, Borsa Italiana del Turismo: per chi è avido di notizie, spazi, idee è un pozzo al quale attingere. Tavola imbandita un po’ in tutti gli stand, come se in Italia parlare di viaggi, luoghi e genti dovesse essere filtrato necessariamente dal cibo, ma quasi niente sui giardini. “Avete qualcosa che illustri la vostra offerta di giardini, parchi, orti botanici?”. Tutti perplessi, nei padiglioni italiani soprattutto. Qualcosa sul Lago Maggiore e Villa Taranto, qualcosa sulla Provincia di Latina e Ninfa e quasi niente altro. Nello stand della Puglia c’era un’infilata di foto con una radice incredibilmente somigliante a L’urlo di Munch. Faccio la fila per chiedere che albero sia, perché l’onore di quella infilata di foto lungo un lato cieco dello stand. Risposta: “Boh, perché era bello”. Ci riprovo: “Ma che albero è, dove si trova?”. Laconico: “Mah, è un vecchio olivo di Bari, niente di che”. Uniche notizie certe: in Madagascar tira una pessima aria politica, chi può lascia anche il proprio giardino e le importanti attività legate alla produzione di piante e se ne va, almeno momentaneamente, sino a quando anche la Farnesina dirà che non è più pericoloso andarci da turisti. Buone notizie invece dalle Bermude; in maggio, in occasione dei 400 anni dalla scoperta di queste isole centroamericane, tutte le signore con villa parteciperanno al Bermuda Open House and Gardens, consentendo ai turisti la visita del loro lussureggianti giardini (www.bermudatourism.it/pg_eventi.php). Pare ce ne siano molti e siano bellissimi. In Alta Austria a Bad Shallerbach invece dal 23 aprile all’11 ottobre ci sarà la Landesgartenschau “Botanica”, mostra di giardinaggio allestita nel parco dell’Eurothermenresort. Non ne ho mai viste in Austria, conosco però quelle tedesche: ognuna è tanto ben fatta e interessante come tutte le mostre di giardinaggio italiane messe insieme. Per informazioni www.botanica.at. Solito neo dei paesi di lingua tedesca: fanno le cose per loro e chi non li capisce sono fatti suoi o chiede aiuto a internet. Poi, parlando con una gentile addetta dello stand dell’Ungheria ho scoperto che c’è una zona a sud ovest di questa nazione, all’estremo confine occidentale della Pannonia con la Slovenia, dove in ottobre le zucche sono oggetto di feste e sagre. Speciale quella della cittadina di Oriszentpéter, sempre di sabato, quest’anno il 10 ottobre. La zona confina anche con l’austriaca Stiria, patria della zucca da semi con cui si fa un olio alimentare dalle mille virtù. Leggo che ci vogliono meno di quattro ore d’auto da Trieste, non troppo. Insomma mi basterebbe un giro nei giardini delle Bermuda in primavera, un tour in Austria d’estate per avere conferma di come si fanno le mostre di giardinaggio e un salto in Ungheria d’autunno al tempo delle zucche per ritenermi soddisfatta per le prossime tre stagioni.

logo-garden-tourGiardini e turismo. Da vent’anni anni conosco Gian Luca Simonini di Garden Tour e la sua profonda conoscenza della storia dei giardini e del paesaggismo. Mi ha mandato la brochure con le sue proposte di viaggio per quest’anno, meno numerose del solito e più domestiche, ma molto interessanti. 21-22 marzo “Le camelie del Lago d’Orta e del Lago Maggiore”; 14-20 aprile”Giardini di sultani, giardini coloniali, giardini di oggi” in Marocco; 12-17 giugno “Giardini, villaggi, foreste e castelli del Medioevo” nel Perigord; 10-11 luglio “Giardini alpini, praterie di vetta, il Monte Bianco” in Valle d’Aosta. Info alla segreteria di Modena, tel 059-223344 e email mara@puntotouringmodena.com. Frequento normalmente la meta piemontese e quella valdostana, perciò se dovessi scegliere farei il viaggio nel Perigord soprattutto per andare a vedere il Jardin de l’Imaginaire a Terrasson della paesaggista Kathryn Gustafson. Se vi accontentate di un viaggio virtuale, cliccate qui e anche qui.

helleborusEllebori protagonisti. Susanna Tavallini del vivaio La Montà  affronta marzo con le porte aperte in vivaio, ripetendo iniziativa e ospitalità tutti i fine settimana sino a metà del mese, mentre i suoi ellebori sono uno spettacolo. Da vedere per innamorarsi di questi fiori e portarsi a casa anche il catalogo, frutto del suo lavoro di compilazione durante l’inverno, relativo anche alle peonie. La potete contattare al n. 0163 87212 o per mail susanna.tavallini@alice.it. Se cliccate qui vedrete come raggiungerla in Via Vittorio Veneto 8, Frazione Sant’Eusebio di Roasio (Vc). Ah, vorrei ricordare che VC è la sigla di Vercelli (Piemonte), e non Vicenza (Veneto): il numero del Venerdì di Repubblica dell’altra settimana (pag 71) ha dirottato i visitatori a 300 km di distanza dal vivaio, povera Susanna….

pomodori-ciliegini– Pomodori, bombi, spreco e ormoni. Appreso domenica scorsa ascoltando Linea Verde in tv mentre cucinavo. I pomodori di Pachino vengono raccolti verdi e duri altrimenti arrivano non più commestibili sul mercato e circa l’8-9 % finisce buttato via: sono i pomodorini più piccoli in cima al grappolo, che non ce la faranno mai a maturare. Inoltre quando la temperatura è inferiore a 16 °C non volano i bombi che provvedono all’impollinazione, così si procede con “ormonature” sostitutive dell’impollinazione. Non mi capiterà più nemmeno per caso di acquistare pomodori in inverno.

labor-improbus-studio-bibliografico-cordero-alba– Libri, patate e vino. E’ in vendita in queste settimane per 330 euro un libro antiquario che, se solo avessi denaro che mi cresce in tasca, mi piacerebbe regalare a Massimo Angelini del Consorzio della Patata Quarantina, conoscendone la competenza e la passione in materia. Il libro si intitola “Lettera intorno alle patate de Sig. Antonio Zanon corretta in più luoghi ed illustrata con note dal Dottor N.N.” stampato a Roma presso Paolo Giunchi nel 1785. E’ una seconda edizione, dice lo Studio Bibliografico Cordero che mi ha mandato il bollettino con le proposte di febbraio (www.corderobooks.com). La prima edizione “Della coltivazione e dell’uso delle patate e d’altre piante commestibili” era del 1767. Pare che l’opera sia fondamentale per capire quanto si arrovellassero i nostri predecessori sull’opportunità di introdurre in coltura la patata per l’alimentazione umana, sino ad allora considerata foraggio. L’autore, friulano, visse tra il 1696 e il 1770; da innovatore, era favorevole alla patata nella dieta umana, e promosse la coltura del gelso e la bachicoltura. Soprattutto, ed è il settore dell’agricoltura friulana che nel tempo ha resistito meglio, si adoperò per migliorare la viticoltura. E bravo Zanon: non ci è riuscito con le patate, ma se adesso beviamo cabernet sauvignon, refosco dal peduncolo rosso e schioppettino forse gli dobbiamo qualcosa.

le-zucche-di-piozzo-in-cucina– Libri, zucche e power point. Ricevo da Piozzo, paese di 1.000 abitanti in provincia di Cuneo, un libro a colori di 80 pagine poco impegnativo ma istruttivo, che ha dietro una storia a mio parere esemplare. Il titolo “Le zucche di Piozzo in cucina”  è un po’ fuorviante, perché ci sono sì tante ricette con il più umile e il più allegro degli ortaggi, ma anche tante notizie su quante sono le specie, quante le varietà, quali proprietà hanno, quali coltivare e cucinare e come. Tutto in poche pagine giocando di agilità invece di tante parole, un vantaggio per chi soffre di allergia per la parola scritta. Bello ed economico: costa solo 5 euro (suppongo più spese postali), da richiedere alla mail che si trova nel sito www.prolocopiozzo.it. Dimenticavo di dire la cosa forse più importante, e cioè che a Piozzo ogni anno a inizio ottobre si svolge la sagra della zucca, con oltre 400 varietà coltivate dagli stessi abitanti. Nel tempo ne è venuto fuori un aggiornatissimo database delle varietà di zucche di tutto il mondo; i soci della Proloco lo stanno confezionando in un power point  di notevole interesse, che ho avuto il piacere di visionare in anteprima. Se poi sarà divulgato non lo so, chiedete sempre al sito. Tra parentesi: un sito fresco che fa pensare ad un paese di gente vivace e collaborativa; se avete un attimo di tempo fateci un giro anche per vedere come, pur nell’austero e individualista Piemonte, ci siano paesi che uniscono le forze con una nobile finalità: “valorizzare il patrimonio storico-artistico, la natura e l’ambiente, le tradizioni ed i prodotti eno-gastronomici del territorio, nel segno della bellezza e della qualità”. Hanno nominato la Bellezza, credono nella cooperazione, fanno festa con le zucche. Per oggi sono contenta.

– Considerazioni personali sul giardiniere pigro. Susanna Magistretti il prossimo sabato e il seguente (7 e 14 marzo) terrà a cascina Bollate (info@cascinabollate.org e tel. 338 5315101), nella sede del vivaio all’interno del carcere di Bollate (Mi) un interessante corso di giardinaggio in due mattinate (ore 10,30-12,30) sul tema “Il giardiniere pigro: invece di lavorare contro, lavorare con la natura.” Penso che se adesso non mi alzo e non vado fuori a sistemare qualcosa prima che si faccia primavera, rischio il caos anche se il mio giardino è gestito in collaborazione con la natura e sulla sua provvidenziale generosità fa affidamento. Tutto per non impigrirmi né di sabato né mai, va bene, vado.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

One thought on “Sette note solo un po’ musicali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...