Una foto una storia (dal 3 marzo 2009)

La foto della testata del blog dal 3 marzo 2009
Questa settimana mimose
cropped-mimosa-per-testata.jpg
Chiedo scusa se è un luogo comune e se è sin troppo facile appropriarmene, visto che parlo di piante e fiori per mestiere e piacere e sono una donna. In prossimità dell’8 marzo festa della donna non ho trovato niente di più originale della mimosa per rendere omaggio alla metà del cielo cui appartengo e a tutte le storie belle che conosco, intense, vive, orgogliosamente battagliere, talvolta silenziosamente remissive all’esterno ma caparbiamente resistenti nel segreto della mente e nell’anima. Che la mimosa, fiore solare, carezzevole e profumato sia consolazione alle donne che soffrono malattie, violenze e discriminazioni e con la sua leggerezza soave alleggerisca la vita di quelle che nel terzo e quarto mondo sono ancora inchiodate alla fame.

Appartenente ad un genere di oltre 1.200 specie, Acacia dealbata è originaria dell’Australia sud orientale e della Tasmania ed è stata introdotta in coltura nel 1820. Grande arbusto o albero di piccole o medie dimensioni dalle foglie finemente divise, ha trovato largo impiego nei giardini per la sua fioritura precocissima e nella coltivazione di fronde da reciso. Per quanto considerata poco rustica e per questo destinata ai giardini in clima mite, in realtà la mimosa sa far tesoro di un angolo riparato e soleggiato un po’ ovunque in Italia, come dimostrano i grandi esemplari che si incontrano anche nelle vallate prealpine, purché in terra ben drenata e non calcarea (altrimenti soffre di clorosi) e, in vaso, persino sulle terrazze di Milano. Ho scattato questa mimosa-acacia-dealbata1foto il 2 febbraio dello scorso anno a Giardini Naxos in Sicilia; ricordo, mentre riquadravo la scena e facevo click, di aver gioito in cuor mio per la fioritura inattesa, per la bellezza e la libertà di quell’attimo: una gioia che vorrei appartenesse alle donne del mondo intero.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

2 thoughts on “Una foto una storia (dal 3 marzo 2009)

    1. @equipaje
      Grazie degli auguri, che non so se vengono dall’uno o dall’altro sesso. Non so perché, spero siano auguri femminili estensibili a tutte le altre donne che hanno trovato nella blogsfera nuove possibilità di comprensione e di scambio.
      Verrò a scoprirti a casa tua, a presto.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...