Notizia di ricorrenza

Roma. Il governo, su proposta del ministro Brunetta, ha presentato ieri un disegno di legge di aiuto e valorizzazione alla cultura del verde e dei giardini storici italiani. Il primo punto prevede il censimento del patrimonio di giardini e la collaborazione pubblico-privato per la promozione degli stessi come luoghi di cultura, turistici, didattici e di ricerca. Un articolo del disegno di legge prevede il finanziamento dei lavori atti al recupero dei giardini storici italiani, sia di proprietà pubblica sia privata. Ogni onere burocratico verrà espletato direttamente dalle sovrintentenze e lo Stato provvederà alla formazione di maestranze altamente specializzate, che in seguito saranno messe a disposizione a prezzi calmierati. Unico impegno da parte dei proprietari privati sarà, a lavori conclusi, l’apertura al pubblico gratuita dei giardini almeno qualche giorno all’anno. Lo stesso disegno di legge prevede anche l’abolizione delle aste al ribasso per la fornitura di piante ai giardini dello Stato (mai più Venaria) e l’obbligo di adozione degli standard tedeschi per la qualità delle forniture di piante agli enti pubblici, in particolare per le alberature urbane. Un altro articolo ventila la possibilità di concedere congrui sgravi fiscali a chiunque, istituzione, privato o vivaio, abbia cura di una o più collezioni vegetali, in quanto ne viene riconosciuta l’importanza per la conoscenza scientifica e la conservazione del regno vegetale oltre che per la diffusione del giardinaggio ai massimi livelli. Su suggerimento del ministro Gelmini, inoltre, vengono istituiti gli orti scolastici: ogni scuola elementare e media inferiore dovrà averne uno entro il prossimo settembre, in tempo per la ripresa scolastica.
Ferruccio De Bortoli, che ai tempi della sua direzione del quotidiano Ilsole24ore aveva avuto parole di encomio per il mensile Giardinaggio allora di proprietà del gruppo Sole24Ore, ha detto che inaugurerà la sua nomina a direttore del Corriere della Sera con un grande inserto dedicato espressamente a questo progetto di legge.

primo-aprile2Semel in anno…

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

7 thoughts on “Notizia di ricorrenza

    1. @Paolo
      Stanotte non dormivo e pensavo a due o tre cose del mio genere monomaniacale, o quasi. Ragionando sull’arrivo di aprile è stato giocoforza alzarmi e tornare al computer per fare gli auguri.
      Non ti preoccupare: il condottiero giardiniere e i suoi accoliti arriveranno ai giardini storici, agli orti scolastici, alle collezioni botaniche quando avranno fatto tabula rasa di tutto il resto. Forse per questo mi accanisco a vivere tra piante fiori giardini e boschi: mi sento al sicuro e al riparo.
      Però mi piacerebbe che, tra coloro che a diverso titolo in rete trattano di questi argomenti, si organizzasse la “Giornata dei vorrei” per dare la stura a tutti i desideri sui quali si può scherzare una volta sola all’anno, in omaggio al pesce di aprile.

      Mi piace

  1. Sono una beccaccina, mi è venuto il dubbio solo alla fine
    vedendo il pesce ( ma non subito subito ), mi sembrava una notizia vera,( sarà perchè poche settimane fa c’è stato a Cesena un incontro degli Orti di Pace con enorme affluenza anche di scolaresche ).
    Voglio essere ottimista, ci sarà un giorno che succederà
    tutto ciò.

    Mi piace

  2. Non ci posso credere!! Ci sono cascata anche io come un’allocca!!! :O
    Mi domandavo infatti come fosse venuta un’idea così meravigliosa ad una mente bacata come il Brunetta!!! Purtroppo è pura utopia!

    Un abbraccio, Mimma!

    Mi piace

    1. @Tiziana
      Ragazzi, qui stiamo mettendo insieme un museo ornitologico di beccaccine e allocchi che ci cascano perché vorrebbero tanto che fosse tutto vero. Mi spiace aver scherzato su un argomento tanto serio con una notizia falsa e tendenziosa, però per un altro verso sono contenta di aver avuto questa occasione per contare i tre o quattro che, a dispetto dei tempi e dei politici, nutrono ancora un filo di fiducia che le cose possano cambiare e i giardini, le piante, la didattica naturalistica possano avere cittadinanza nell’Italia in cui viviamo. Che posso dire: ridiamoci su ma manteniamo alta la tensione verso un argomento considerato marginale da tutti, fuorché da noi, piccolo drappello di inguaribili.

      Mi piace

  3. E perchè non farlo diventare una realtà?
    Dubito che una proposta possa venire da un ministro come Brunetta, ma fra i vari parlamentari forse qualcuno potrebbe pensare che sia per lui redditizio presentare un tale disegno di legge.
    Le mostre di giardinaggio in Italia iniziano a muovere un numero elevato di persone (una quantità elettoralmente appetibile), pertanto possiamo cercare di far pesare la nostra passione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...