Guastalla report

Di tutto di più, forse Guastalla è l’unica manifestazione italiana in cui le piante non sono signorine inamidate solo per fanatici o raffinati cultori del giardino, ma parte di un mondo di cose sane, belle, naturali che migliorano la vita e la conoscenza della natura.
L’unico raffronto possibile è con Paderna, il castello più felicemente di campagna d’Italia. Dove però al posto dei cibi locali come a Guastalla si dà spazio all’artigianato tradizionale che può essere messo al servizio del giardino. Mentre ci sono, lo dico adesso: l’appuntamento annuale con “Frutti antichi”  a Paderna presso Pontenure (PC) è il prossimo fine settimana, 3-4 ottobre; chi vuole informazioni per fare l’esperienza clicchi qui.

Guastalla-2009-gabbie-degli-animali-per-bambini-curiosiGuastalla-2009-nella-via-di-giochi-per-bambiniSfilata-tabarri-Guastalla-2009

Guastalla, dicevo. Tutti gli anni qualcosa di diverso, pur nella continuità delle oche (una decina di razze) che strillano, di mezzo chilometro d’una via centrale piena di piante di qualità, del pane sfornato in strada, del tosone (il formaggio parmigiano fresco) raschiato e offerto nei cartocci. Biodiversità sono anche i numerosi pakistani senza i quali chiuderebbero le stalle reggiane: vestiti a festa, le donne con elegantissimi abiti sgargianti, trascorrono la loro domenica con la famiglia nelle vie della città che per l’occasione offre la possibilità di acquistare le spezie della loro terra d’origine. Namlin, bambina bellissima in braccio al papà con turbante arancione, ha potuto vedere molti animali da corte in via di estinzione o di razze rare e poi andare a giocare in una intera via dedicata ai giochi per bambini (non può mancare una simile attenzione all’infanzia, nella provincia di Reggio Emilia che ha gli asili migliori del mondo). Nessun biglietto d’ingresso, nessun recinto: ci si serve della città e la si reinventa per due giorni con le pecore in piazza e i “bar amici” che sono quelli disposti a far fare pipì ai visitatori anche senza la consumazione risarcitoria.

Guastalla-2009-la-via-delle-erbe-aromatichemelone-Banana-di-LentigioneOliva-BiancolillaOsmanthus-fragrans-AurantiacumRosa-Bonica-bacchecarpobrotus-edulis-curativo
Insomma, le atmosfere non si possono raccontare più di tanto, però riportare qualche appunto sì. Al volo. Gli incontri al vertici tra organizzatori di mostre di giardinaggio e cultori della materia: in piazza ci sono passati quasi tutti; il banco di trenta metri di aromatiche ben descritte del vivaio riminese Pesaresi; le gabbie con i tacchini della razza (lo stanno accertando) Parma Piacenza, una calamita per bambini curiosi; i meloni strani coltivati dai ragazzi dell’Istituto Zanelli di Reggio Emilia (che farci: le cocurbitacee mi stupiscono sempre); le grandi campiture di perenni (astri, graminacee, echinacee ecc) del vivaio Priola di Treviso; l’olivo ‘Biancolilla’ del vivaio Hortus Esperidis; il profumo di Osmanthus fragrans ‘Aurantiacus’ di Fiorella Gilli; la moltitudine di bacche della rosa ‘Bonica’: l’avevo vista solo e sempre in fiore o dimessa in inverno; le piante che offrono nuove speranze in medicina: quest’anno si è visto il sudafricano Carpobrotus edulis il cui succo ha proprietà antisettiche e astringenti; il tabarro come abito tradizionale di campagna reinventato oggi: portato in piazza la prima volta a Guastalla oltre dieci anni fa, adesso fa defilé in tutti i suoi modelli. Unica civetteria ammessa e poi che dire: bisogna esserci.

Dino-Pellizzaro-e-Giuseppe-Benedettiperenni-vivaio-Priola-a-Guastalla-2009

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

2 thoughts on “Guastalla report

  1. Ciao Mimma, che bello il sentirsi ricordare il profumo dell’osmantus (uva fragola o pesca?) che ha invaso via Garibaldi.
    E, oltre ai pakistani, per fortuna qui ci sono anche gli indiani (sikh, il turbante), più numerosi, che da almeno 20 anni si occupano dell’agricoltura locale, formando la comunità più grande d’Europa.

    Mi piace

  2. vivo a reggio emilia e mi diletto a scrivere racconti brevi.
    Vorrei ambientare un racconto nella bassa reggiana e mi servirebbe raccogliere spunti sui pakistani che lavorano nelle aziende agricole, soprattutto il loro rapporto con gli autoctoni, le loro modalità di lavoro con gli animali, visto che senza di loro molte stalle reggiane chiuderebbero

    Grazie per l’aiuto e buon anno

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...