Telegiornale delle 13

ape-con-le-calze-colorate-di-rosso-dal-polline-di-un-verbascoAddio, piccola ape furibonda. Così Pier Paolo Pasolini chiamò Alda Merini, la poetessa che stamattina ha avuto il funerale di Stato nel duomo della sua Milano. Mi piace pensarla come un’ape, con l’aggiunta di quell’aggettivo d’autore che risale a quando ancora le api lottavano per la vita e bottinavano sui fiori e tornavano a casa e producevano miele. Come lei poesie. Non come adesso che non si sa che fine facciano. Le api e la poesia.

uno-dei-giardini-di-Euroflora-2006Verde urbano, grattacieli di campagna. Milano nei prossimi anni dovrà inventarsi 450 ettari di verde in più senza aumentare le dimensioni della città. Ma dove li troveranno 450 ettari, mi chiedo. Dice l’autore del servizio: faranno uno scambio di terreni attualmente edificabili in città e costruiranno in altre zone esterne da individuare. Grattacieli fuori città, come stanno proponendo a Ligresti, vuol dire comunque aumentare l’area metropolitana andando a colpire il verde vero, agricolo, ancora esistente. Ma io, che me ne sono andata vent’anni fa per sopraggiunta orticaria alla vita urbana, che diritto ho di pensare le città in funzione del verde e dell’agricoltura?

zucca-intagliata-HalloweenZucche e crocifissi, grandezze non omogenee. Il segretario di Stato Vaticano Tarcisio Bertone non è contento della sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, secondo la quale il crocefisso dai luoghi pubblici italiani va rimosso. Bertone oggi ha una reazione che non mi piace, per quanto io ami gli ortaggi chiamati ingiustamente in causa: “Io dico che questa Europa del terzo millennio ci lascia solo le zucche delle feste recentemente ripetute e ci toglie i simboli più cari”. Ha fatto un po’ confusione, direi. Il problema riguarda i simboli religiosi, non mi pare ci sia una fede di Halloween. E se la gente ha voglia di rallegrarsi con poco, e attecchisce sempre più una festa di importazione americana, non sarà che è perché il cattolicesimo ha predicato troppo a lungo ai semplici che bisognava soffrire sulla terra per poi godere in paradiso? C’è un momento per la festa e un momento per cercare il raccoglimento. Per poterlo fare in Italia ci sono migliaia di chiese preposte allo scopo. E ci dovrebbero essere luoghi di culto anche per gli altri cittadini non di fede cattolica. In questo momento sento la mancanza di un parere di Corrado Augias, fatelo dire a Corrado Augias che sa dire queste cose con un sorriso ateo rassicurante.

Advertisements

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

One thought on “Telegiornale delle 13

  1. Ciao Mimma, oggi sono stata ad un convegno sul consumo del territorio e il degrado del paesaggio. Una cronaca di guerra nel centro di una delle province più martoriate dal mattone, la mia. L’unica proposta seria, da quasi tutte le parti, è stata il fermare lo scempio, senza deroghe o condoni. Non si trattava di un raduno di facinorosi ambientalisti, c’erano tecnici, docenti universitari ed amministratori da tutta la penisola. Però, la cosa forse più buffa rilevata, è che anche in questo caso i dati non sono certi, ma approssimativi per difetto, perchè nessuna rilevazione accurata viene più commissionata da anni. E se, tutti insieme, si iniziasse a raccogliere le tracce delle cattedrali del cemento, cioè di tutte quelle opere edilizie iniziate, mai finite o mai utilizzate, che si sono mangiate e si stanno mangiando la campagna?
    Scusa la lungaggine, sai come sono fatta: troppe idee e troppo poco tempo..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...