La mistificazione fa male ai giardini

L’infamia dei telegiornali della prima rete Rai governati da Minzolini e prima di lui da Del Noce, che adesso ha fatto carriera e sta a capo di Venaria Reale. Sicché come sono cucinate le notizie da telegiornale che riguardano questa reggia sabauda non è neppure il caso di chiederlo a quelli del Trio Medusa e ai loro “ausiliari del TG1” in onda a Parla con me di Serena Dandini. Basta guardare il tg1 di un sabato di gennaio, oggi, ore 13,50. Servizio che racconta della sindrome di Stendhal che pare colga sempre più spesso i visitatori di Venaria Reale per la troppa bellezza. Parla Alberto Vanelli per dire che ci sono ragazzi che si sdraiano per terra per cogliere meglio le vibrazioni, gli fa eco uno psicanalista che narra di sensazioni forti da estasi perché è un luogo di bellezza insostenibile.
Consiglio i ragazzi di andare ad appoggiare l’orecchio altrove se vogliono sballare davvero, sennò sono complici di una mistificazione. Perché per volare via rapiti ci vuole il genius loci, non bastano gli spazi superbi. E a Venaria il genius loci urla massacrato. All’interno per i percorsi demenziali, che obbligano a giri infiniti per imboccare il senso di marcia e a sperare nel contributo di qualche addetto che sbuchi provvidenzialmente come cartello segnaletico vivente. Fuori per le mille manchevolezze che dicono quanto poco il giardino risponda nei fatti alle ambizioni e al diluvio di denaro. La mistificazione fa male ai giardini. Non so chi manderei prima a scuola, se i giornalisti televisivi o quegli insegnanti che non sanno raccontare ai ragazzi in che cosa consiste la Bellezza e come si fa, guardando con acume dentro e fuori di sé, a riconoscerla.

Tra parentesi: leggevo proprio stamattina che il concorso del Bouquet di Sanremo si svolgerà da quest’anno a Venaria, per quanto sia di Sanremo, e che una convenzione Rai-Comune di Sanremo adesso obbliga la Rai una volta all’anno a realizzare uno speciale della trasmissione Linea Verde, della durata di un’ora, sul Corso Fiorito. Cari italiani, così è.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...