E voi chiamateli orti

Adesso tutti dicono: te l’avevo detto, che sarebbe stato un successo. Lo dice il sindaco di Camaiore, che stamattina ha lanciato l’iniziativa “Adotta un orto” (uno dei cinque orti dimostrativi allestiti nelle piazze del centro storico per la festa “E’ la via dell’orto”). I camaioresi erano dispiaciuti al pensiero che venissero smantellati: non lo saranno, a patto che qualcuno di loro si offra quanto prima di annaffiare e zappare per mantenerli in ordine come aiuole del verde urbano. Lo dicono gli espositori: avevano dovuto fidarsi della bontà di un’idea alla sua prima comparsa. Per non parlare dei vecchietti arzilli e agguerriti ortisti della città versiliana: ne ho seguiti tre seduti in panchina in piazza San Bernardino che commentavano gli orti in piazza con una competenza quasi pedante e, dopo dieci minuti di chiacchiericcio stretto, ne ho dovuti zittire due dietro di me alla rappresentazione di Orti insorti di Elena Guerrini: disturbavano raccontando le meraviglie delle forbici da potatura che uno di loro aveva appena acquistato. C’è un’Italia che mi piace parecchio: semina vanga zappa e raccoglie e, su progetti che sembrano minimi, costruisce una realtà sana e positiva. C’è chi lo fa con i linguaggi contemporanei e metropolitani – cultura e coltura –  come i ragazzi del Progetto Rizomi di Torino, Ortinconca di Milano e Spiazziverdi di Venezia che hanno presentato insieme alla loro attività una concezione del mondo e dell’uomo. E chi urlando improperi gratuiti contro di loro, da reazionari ad oltranza e con la certezza di avere l’esperienza, la fama e il denaro dalla sua. Avete mai visto su un palco il ragazzo Nicola di Rizomi preso sotto braccio da Beppe Bigazzi (“ah, lo conosco, è quello che mangia i gatti in televisione!” ha detto a voce alta una signora dal fondo della piazza, e chi ha voluto sentire ha sentito)? E insomma, l’orto per davvero e quello che è una scusa per dire tutto il resto. Funziona così bene, che già a Camaiore hanno fissato la data della seconda edizione: 9 e 10 aprile 2011.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

7 thoughts on “E voi chiamateli orti

  1. …E’ stata una bellissima esperienza. Grazie ancora per averci dato l’opportunità di partecipare e poter condividere idee, pensieri ed immagini con moltissime persone. Si… anche con Bigazzi… anche se effettivamente sentirlo ancora parlare dà un nuovo senso al termine “accanimento terapeutico” 😀
    Nicola

    Mi piace

  2. Ciao, Mimma
    è stata una scommessa ed è riuscita oltre le aspettative, mi fa piacere che anche i ragazzi di rizomi siano soddisfatti, al di la’ delle critiche di chi non riesce a concepire che esistano idee differenti dalle proprie (a volte l’età e la maleducazione ci mettono lo zampino).
    Spero che il prossimo anno i ragazzi possano tornare ad esporre le proprie idee ed i progetti, portando quella ventata di freschezza ed originalità che SOLO loro riescono ad esprimere!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...