Chi ha detto mesembriantemi?

La famiglia delle Aizoaceae comprende circa 130 generi e qualche migliaio di specie; si divide in cinque sottofamiglie: Ruschioideae (con un centinaio di generi, in parte ex Mesembriantemaceae), Mesembryanthemoideae (11 generi), Aizooideae (6 generi), Sesuvioideae (4 generi), Tetragonioideae(2 generi). Hanno crescita durante il periodo della fioritura, diffuse sia a livello del mare che a 3000 m. Le foglie sono succulente e di varia foggia. I fiori vistosi e duraturi, sono attinomorfi, ermafroditi, di tipo tetramero o pentamero, con calice a 5 setali e corolla con molti petali. Androceo con molti stami, gineceo per lo più supero con 3-4 carpelli. Il frutto è una capsula deiscente, suddivisa in logge, che si apre quando è bagnata (igrocastica). Habitat: Sud Africa, ma anche Madagascar, Corno d'Africa, Arabia, Australia, Nuova Zelanda.

Tanto per non lasciar perdere il filo del Sudafrica, chi con il calcio dei mondiali, chi come me con le piante che appartengono a quel territorio, ho cercato un po’ di documentazione in rete sui mesembriantemi e ho avuto un coup de foudre per una pianta, Delosperma basuticum, piccola, grassoccia e con lucenti fiori bianchi. Andate a vedere qui e poi ditemi se non è affascinante.
Che ci sia interesse attorno a queste piante, credo sia indubbio. Hanno cominciato gli appassionati di succulente (ho l’impressione che in Italia siano i collezionisti tematici più sfegatati e meglio organizzati, insieme a quelli che folleggiano per le orchidee). Adesso se ne stanno occupando i giardinieri frequentatori delle mostre, che la scorsa primavera hanno conosciuto Angelo e Anna Lamanna dei Vivai Santo Stefano di Monopoli: producono un centinaio di specie e varietà di “mesembriantemi”, ne hanno altri 50 in osservazione in attesa di valutare la rusticità per il clima italiano. Ho raccontato la loro storia e compilato la scheda di alcune delle loro piante per Gardenia di questo mese. Vi rimando a pag 150 del giornale, intanto qui mostro altre specie e altri generi, tanto per dire che mesembriantemo vuol dire poco: passate con il mouse sopra ogni foto e conoscerete come si chiamano.

Inspiegabilmente presa da pigrizia (oppure imparando le cattive maniere della rete o, ancora, pensando che è sciocco riscrivere ciò che già funziona), riporto nel box il testo di inquadramento della famiglia delle Aizoacee compilato da Mario Cecarini per il sito Cactus e dintorni, dove potete leggere in dettaglio tutto o quasi tutto sui mesembriantemi. Nel mio archivio fotografico ho trovato anche questi, assai diversi, che vi lascio come ulteriore appunto sulla biodiversità sudafricana.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...