Piante viste a Courson-2

Proseguo una carrellata molto personale sulle piante che ho visto all’ultima edizione delle Journées des Plantes di Courson.

– Alberi da frutto di Delbard. Sembra sempre di essere nel frutteto del Re Sole, la natura piegata ai voleri dell’uomo, “schiacciata” per stare contro muri e su terrazze minime. A me piacciono moltissimo queste piante potate a candelabro e a cordone e vorrei vederne in Italia (da poco li importa il vivaio di rose fiorentino Nicola Cavina). Delbard che li crea ha appena presentato una nuova linea di varietà adatte allo scopo.
– Astri a volontà nello stand del belga Meers Vaste Plantenkwekerij (www.meersvpk.be).
Hemerocallis ben presentate. Come sanno i ragazzi del vivaio i Campi, se non sono fiorite (e non lo sono mai quando ci sono mostre di giardinaggio) le emerocallis sono difficili da presentare. Ci sono riusciti i belgi di Pepinières de la Thyle, che creano nuove varietà e hanno una della maggiori collezioni europee di ortensie e ellebori.
– Graminacee sul tetto. Un allestimento che non mi è piaciuto, quello della catena di 55 garden center Truffaut (il primo creato in Francia, nel 1964), ma mi è venuto voglia di fare clic per il trionfo di graminacee e perenni sul tetto della pergola.
– I liquidambar, tutti L. styraciflua, ma tutti di varietà diverse. Star di stagione, ho visto ricorrente solo la varietà inglese L. s. ‘Worplesdon’, a portamento piramidale, più resistente al freddo e alla pioggia, dimensioni relativamente contenute (12 m di altezza), crescita lenta, foglie più grandi e incise della specie tipica e con una colorazione più vistosa in autunno.
Massonia pustulata inquietante bulbosa sudafricana che in inverno fiorisce emettendo un enorme piumino profumato bianco crema al centro delle due foglie incollate a terra. Vive all’asciutto, direi che da noi può stare solo in serra.
Nepenthes x ventrata x alata. A volte colpiscono i dettagli più stupidi dal punto di vista botanico e giardinieristico. Nel banco di carnivore magnifiche e preziose di Nature et Paysage io mi sono lasciata attirare dalla levigata lucentezza di questa grande Nepenthes
Nerine: non le vedo mai in giro, che peccato: sono così preziose quando scompaiono anche i fiori del primo autunno. A Courson c’erano tre o quattro varietà a fiori molto grandi in diverse tonalità rosa chiaro. Invece del nome varietale, però, avevano una sigla, forse sono nuove.
– Che sorpresa gli olivi parigini. Ma quando ho letto l’etichetta, un olivo si chiamava ‘Bella di Cerignola’, l’altro ‘Leccino’. Orgoglio a leggere che sono due magnifici esemplari (giovani, non monumentali sradicati da casa loro) coltivati dal vivaio Tiziana Facchini di Fano.
Passiflora ‘Pink Passion’ bellezza a grandi fiori: solo 7 euro per una passiflora novità del 2010, proposta dal collezionista olandese Cor Laurens.
– Un trionfo di agapanti in numerose varietà azzurre e bianche. Poco autunnali, troppo mediterranei, ma così belli e ben presentati.
– I semi di 53 specie e varietà di passiflora. Una bustina per 3 euro, quattro bustine per 10. Ho frenato la voglia di provare a farle nascere.
– Da lontano si vedeva una nuvola di vegetazione azzurrognola: erano le mimose di Gérard Cavatore (www.mimosa-cavatore.com). So che le mostre di giardinaggio italiane lo corteggiano, chissà mai che una volta o l’altra arrivi da noi a presentare la sua magnifica collezione.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...