Green gossip – 2

Telefona un amico di ritorno dal Salone del gusto di Torino e racconta mirabilia. E dice di aver assaggiato di tutto e acquistato di tutto. “Anche cose di casa nostra di cui non sospetteresti l’esistenza- dice rincarando l’entusiasmo – vedi per esempio la roveja”. Certo, la conosco: è un pisello  (ed infatti di nome botanico fa Pisum sativum ssp arvense) ed è tipico delle Marche e dell’Umbria. Invece di raccontarvelo io, che in fondo l’ho acquistato e cucinato non più di due o tre volte, vi mando a leggere per esempio qui.

A proposito di Salone del Gusto leggo su Repubblica, a firma Cavallito & Lamacchia, della pesca tardiva di Leonforte, in Sicilia. I due si catapultano a cercarla e invece dopo qualche peripezia ricevono una cattiva notizia. “Le pesche non sono più un presidio e i produttori hanno litigato tra loro, mandando tutto in vacca”. Interessante spaccato dell’Italia in cui viviamo: da una parte si recupera, dall’altra ci si lancia i coltelli, ferendo la nostra gola prima solleticata e, soprattutto, pugnalando alle spalle quelli che lavorano ai recuperi sul territorio. Allora sono solo mode e business?

Ad Alessandria un’operazione definita “Green Ecology” nel verde pubblico è stata subito ribattezzata dalla popolazione “battaglia delle rose”. Pare che il comune piemontese abbia aumentato tutte le tariffe di propria competenza, comprese le mense scolastiche e la raccolta dei rifiuti, ma per abbellire la città abbia speso non una cifretta, ordinando 250 alberi e 100.000 rose in Moldavia. Mah, dovrei sincerarmi su come stanno effettivamente le cose. Di certo però qualche produttore di rose l’abbiamo pure in Italia, e magari più competente sulle condizioni pedoclimatiche alessandrine e invece di centomila in una volta poteva fornirne mille per anno per dieci anni o duemila per cinque anni, così si evitavano i rincari per la popolazione e si dava una mano alla nostra economia in difficoltà. Pare anche che in questi giorni i cittadini stiano firmando un documento che dice “Io rinuncio alla mia rosa”. Che peccato metterla giù in questo modo, ma li capisco.

Scrive Lidia Zitara nella sua “biblioteca recensita” sul suo blog giadinaggioirregolare: “ Il “Besler” non è un libro da leggere a letto: pesa venti chili ed è grande quanto il Corriere della Sera. Le illustrazioni sono grossolane, per nulla iper-realistiche. Tuttavia è decisamente un’opera che è bello possedere, anche perché contiene molte informazioni utili.” Forse per questo, oltre che per la gioia degli occhi, l’altro giorno dico all’amico libraio: “Vorrei comperarmi L’erbario delle quattro stagioni di Basilius Besler, ma trovo indecente spendere 59 euro” (tanto costa la nuova edizione Electa). E il libraio mi fa l’occhiolino, non perché io sia una sex bomb, ma per dirmi “Vieni qui che te lo risolvo io il problema”. E tira fuori un’edizione Taschen, uguale uguale, meno l’introduzione ovviamente. “Toh, porta a casa. Invece di 59 costa 30 e per te fa 20”. Felice di questo affare, ho subito investito in libri. Uno per la verità non dall’amico-complice, ma dalla libreria antiquaria Bergoglio di Torino, una nuova scoperta. La trovate qui.

Telefonata del solito ben informato che vuole dimostrartelo, a te che fai la giornalista e magari non lo sai. “Oh, guarda che nei giardini della Reggia di Venaria Reale stanno facendo l’orto, ma non un orto qualsiasi, dieci ettari di orto e frutteto; sarà aperto al pubblico in aprile, avrà i peperoni dei Savoia e sarà la risposta italiana al Potager du Roi di Versailles”. A parte che mi hanno sfiancata con ‘sta storia dell’orto in tutte le salse, a parte che da Venaria mi hanno mandato un invito (all’ultimo minuto, e io avevo un altro impegno) per una conferenza stampa e non hanno neppure comunicato per quale motivo avrei dovuto alzare le chiappe e farmi 70 chilometri (ma un collega mi ha passato l’informazione), io ho cominciato a tremare. Ci buttano dentro altri soldi (erano 25 milioni di euro, in 5 anni ne hanno già spesi altri per tamponare gli errori e i danni), nessuno controlla la qualità delle opere e del materiale vegetale (meno qualche straniero, compreso un giornalista inglese che mi ha telefonato esterrefatto), sognano la competizione con Versailles ma dovrebbero avere un Antoine Jacobshon e non ce l’hanno e uno stuolo di giardinieri veri invece di operai forestali buttati lì perché hanno chiuso i vivai forestali della regione. Già, Tremonti ha detto che la cultura non si mangia. Invece i peperoni dei Savoia sì. Io in questo caso sto con Marchionne: “È difficilissimo capire dove sta andando il nostro Paese”.

Il backoffice del mio blog a volte racconta storie singolari. Per esempio negli ultimi quattro o cinque giorni sono cresciute in modo assolutamente abnorme le visite ai post sulle zucche (tra l’altro dovrei dire di quelle appena raccolte, ma c’è tanto tempo in inverno). E quando guardo da dove arrivano i gentili visitatori, scopro che sono qui in zona. “Per forza – dice malizioso mio marito – qui in paese stanno tentando di rifare senza di te che sei ingombrante la mostra che gli hai messo in piedi lo scorso anno, ma non se ne intendono, non hanno il nome delle zucche”.  Abbiamo riso di questa piemontesità filtrata da internet, e intanto la mia vicina si è premurata di farmi leggere la notizia della manifestazione sul giornale. Non una virgola diversa dall’anno scorso (siamo nel Piemonte bugia nen, ovvero “non muoverti”, regola aurea di una realtà marginale e diffidente), salvo che la zucca ‘Queensland Blue’ non è affatto grossa, sono riusciti a sbagliare l’aggettivo. Sui contenuti, transeat. Povere zucche.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

One thought on “Green gossip – 2

  1. Buongiorno Mimma, mi riaggancio al post della Biblioteca recensita, per dichiarare ulteriormente il mio amore per i libri, soprattutto quelli di immagine; intendo immagini disegnate architettoniche (deformazione professionale…malgrado tutto sono architetto) oppure di flora e fauna o erbari o anche altro, basta che diletti i miei occhi…..purtroppo sono i libri più cari, praticamente non esistono in edizione economica e difficilmente si possono aprrezzare nelle biblioteche dato che occorrono spesso/non sempre permessi speciali. Poi credo che chi ama i libri li voglia possedere per quanto, ribadisco, io frequenti tanto la biblioteca della mia città e non solo. Basta….era solo una piccola considerazione, tra desiderio e crisi economica.
    Francesca

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...