Compleanni non ricordati

Da tutto il giorno ho un pensiero: voglio dire sul blog che nel 1843, come oggi 29 novembre, nasceva Gertrude Jekyll. E invece non ci sono riuscita, per una somma di incredibili impegni come solo possono avere le persone che hanno ancora voglia di lavorare e partecipare nonostante il delirio della vita di oggi. E così riesco a dirlo solo a qualche minuto da un altro giorno. In realtà avrei potuto scrivere prima, ma c’erano Saviano-Fazio su RaiTre e quando finalmente mi sono seduta in poltrona per godermi un attimo di pausa, l’ho fatto smettendo di parlare, scrivere, rispondere a mail sul tema delle piante e dei giardini, ma pulendo cardi, una enormità di cardi portati via dall’orto un attimo prima che nevicasse e poi gelasse. Sicché da due giorni ogni momento libero è dedicato alla montagna di verdura che il mio orto alpino ancora offriva. Che cosa sia la vita, perché la mia sia sempre una corsa, chissà. Gertrude Jekyll non aveva bisogno dei miei auguri di buon compleanno, i cardi potevano restare ad appassire, io avrei potuto continuare a smistare lavoro e a trovare una soluzione per quella dirigente editoriale che vorrebbe un libro su graminacee e rose insieme a fare trend.
Adesso sono stanca e non ci voglio più pensare ad un’idea tanto orribile. Per dirla in stile Fazio-Saviano: vado via, ma resto. Con le dita annerite dai cardi e la voglia di dire che ricorderò Gertrude Jekyll un’altra volta.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

2 thoughts on “Compleanni non ricordati

  1. Io invece non ritrovo lavoro e mi sento al margine della vita sociale , una vera sfigata, per fortuna che c’è il giardino. Da noi non ha ancora gelato, sono in Toscana. Anch’io ho visto rai 3 e poi ho letto il tuo post, ho un libro di Gertrude Jekill, il Giardino dei colori , possibile? Troppo tardi , ora non ci vado a guardare , buonanotte!

    Mi piace

  2. Gertrude è nel mio cuore. Tanti anni ci separano secondo la linea temporale stabilita dagli uomini, ma in realtà essa ci è vicinissima. Mi è vicinissima. La conobbi grazie al Signor Pagani, ed essa mi ha accompagnato in giorni di letture e di ricerche, percorrendo Giardini in un inverno – distesa sulla mia poltrona- di qualche anno fa. Il suo garbo, la sua vera intelligenza, il suo umorismo e la capacità di vedere oltre ciò che gli altri vedevano.
    Le sue parole, hanno percorso il tempo e creato Giardini nel futuro.
    Grazie Gertrud o Gertrude come la chiamo io.
    Grazie Mimma per aver dedicato a lei questo post.
    Buona giornata

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...