Una foto una storia (dal 14 agosto 2011)

La foto della testata del blog dal 14 agosto 2011
Una rosa al posto del sole che non c’è
Oggi è domenica, una domenica d’estate alla vigilia di ferragosto e io mi sono regalata un paio di giorni di break prima di riprendere a macinare lavoro. Sicché sono seduta alla scrivania solo per riordinare il caos nel computer, in realtà perchè ieri, primo giorno nell’estate 2011 di concessione alla mia ortolanità, me ne sono stata nell’orto a fare manutenzione e a trapiantare insalate, finocchi e cavoli rapa per l’autunno, e adesso ho le ossa rotte come se fossi passata sotto un cingolato. E qui alla scrivania mi è venuta voglia di cambiare la testata del blog con qualcosa di energetico in sostituzione dell’evanescente scena di lavande fiorite a contrappunto delle statue del Marinali di Villa Trissino a Trissino. Così ho pensato alla rosa ‘Summer Song’ per il suo colore arancio-rosso, definito nei cataloghi che la propongono,  “arancio bruciato”, un colore che non conosco, e sfido chiunque a riconoscerlo. In ogni caso trovo più energizzante l’arancione, con tutte le sue sfumature, del rosso, che aborro, soprattutto in giardino. ‘Summer Song’ è una delle osannatissime rose inglesi di David Austin, ha grandi fiori doppi a coppa che sbocciano di continuo per tutta l’estate sulla vegetazione di 120×90 cm. Le dimensioni consigliano di piantarne un gruppo di almeno tre esemplari perché l’effetto sia importante. Creata nel 2005, è data per molto profumata con un aroma “come di negozio di fioraio, con sentori di foglie di crisantemo, banane mature e té”, ma se devo essere sincera tutte le volte che mi sono accostata ad annusare una corolla le ho sentito solo un vago aroma di rosa. Vuol dire che farò l’aromaterapia altrove (mentre scrivo entrano dalla porta sul giardinetto dietro casa effluvi di tuberose e degli ultimi gigli) e riserverò a questa rosa la cromoterapia: in un’estate senza sole come questa, un colpo di solare luminosità. Tra i vivai che propongono ‘Summer Song’ c’è Mondo Rose di Le Sieci (Fi), a questo indirizzo.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...