Prendendo lucciole per lanterne

follette-stagionate-e-lucciolePassano mesi e anni e due follette già stagionate non possono che stagionare ulteriormente. Magari fosse come certi prosciutti o certi formaggi. In fossa ci siamo, ma per altri motivi, e comunque io che amo l’altitudine preferirei starmene appesa a rifinire la mia maturazione dondolante alla brezza e dall’alto osservare l’umanità contemporanea che si agita scomposta in cerca di soluzioni. Ad alleviare un po’ i pensieri cupi di questa epoca che di due oneste lavoratrici dell’editoria non sa più che farsene, ci pensano di tanto in tanto gli affetti familiari, qui un nuovo bebé che nasce, là una nipotina che mette su casa o una zia antica che macina anni con impavida sicurezza, e comunque in aiuto arriva la stagione dei fiori e del sole. “Meno male – dice la mia amica disegnatrice Rita Ammassari – meno male almeno che è estate. Siamo autorizzate ad essere un po’ più leggere, no?”.  Ma ciò che sembra alleggerire i fardelli quotidiani a mo’ di battuta può rivelare un aspetto inquietante. Sicché se lei legge su Green News, il nostro quotidiano preferito quando siamo a Neverland, di manovre genetiche per rendere luminosi gli alberi con i cromosomi delle lucciole, io continuando le mie pratiche di giardinaggio, rastrello alla mano, rispondo da vera imbecille, come se non avessi capito bene la gravità della notizia. E insomma, l’unico a poter campare a cuor leggero di questi tempi è il gatto che, per quanto rappresentato in una livrea vagamente da galeotto, rincorre tranquillo una lucciola. Sinché ce ne saranno. Io in giugno quest’anno ne ho viste si e no due o tre, vuoi vedere che hanno catturato tutte le altre per gli esperimenti di laboratorio.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

One thought on “Prendendo lucciole per lanterne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...