Vorremmo essere insetti in sciopero

Follette-hotel-per-insettiDice: “Siamo follette stagionate e tuttavia non ci danno tregua, la Fornero ci ha immaginate attive praticamente per sempre, niente pause, niente vita godereccia che avevamo rimandato a questa stagione della vita, ancora abbastanza giovani per avere l’energia che serve e con abbastanza lavoro fatto per meritarcelo prima della terza età”. Per un attimo serpeggia lungo il filo del telefono un certo qual malumore. “Non me ne parlare – dico io – lavoro, lavoro, solo lavoro, altro che festa dei lavoratori: chi ce l’ha, il lavoro, ringrazia lavorando anche il primo maggio, chi non ce l’ha che cosa ha da festeggiare?” Poi parliamo d’altro: è sempre prudente uscire alla svelta da certe spirali che rischiano di appesantire la vita senza risolvere i problemi. Forse Rita Ammassari, amica e disegnatrice, dall’altra parte del telefono ha fatto quel che le ho visto fare tante volte quando dividevamo lo studio: in una mano il telefono e nell’altra la matita.  E la foto che le avevo mandato degli hotel per insetti costruiti da mio marito diventa il riferimento di noi due follette stagionate in pausa mentre commentiamo, chissà se con invidia, la decisione degli insetti di mettersi in sciopero e andare a riposare in un hotel dotato di tutti i comfort.
– Che dici, ci proviamo? – azzarda Rita
– Dai, proviamoci.
– Io mi vesto da coccinella
– E io da ape solitaria
E dopo una pausa, mentre io la immagino in una mise attillata di pelle rossa a pois bianchi : – Pensi che ci accetteranno, in sciopero con loro? Io mi infilo subito nella vasca da idromassaggio del loro hotel
– Io me ne vado invece sul belvedere dell’ultimo piano, appoggio i gomiti, osservo il via vai svolazzante e non penso più a niente sino al 2 maggio, facciamo sino al 3 o al 4 maggio. Facciamo anche qualche giorno dopo…

Advertisements

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...