Presentimenti

Siamo diventati una società scomposta e sguaiata, nella quale la gente che non vale niente fa affari se trova la parola d’ordine giusta per questi tempi vuoti (pien ad vuiam, pieni di vuoto dicono i lombardi) e soccombe invece chi ha usato cultura e classe e ha allevato le proprie generazioni con l’orgoglio di tramandare i saperi e le leggi severe che governano (governavano) la gente onesta e l’imprenditorialità solida. Questa mattina sono indignata. In giro si sente la primavera, tutti si svegliano con il loro business e te lo vomitano nella posta elettronica. Vieni a cena da noi, prima ti portiamo a raccogliere nel prato le piante spontanee che cucineremo per fare un’esperienza sensoriale unica e nuova. Ma va là, le erbe commestibili del prato si raccolgono andando per campagne ore e ore con un panino per pranzo e non al tramonto prima di una costosa cena. Oppure: siamo una grande azienda vivaistica, vieni qui, paga e ti facciamo scuola di giardinaggio. O quelli a cui avevi già risposto di non poterli ospitare nelle mostre mercato di giardinaggio perché fanno bigiotteria di plastica e vetro che non c’entra nulla, e proprio stamattina tornano alla carica dicendo che vogliono una motivazione per esteso del perché non possono partecipare. All’ultima mail del genere della mattina ho risposto che io mi occupo di piante e giardini e non so valutare se le collanine di pietre e gli orecchini con pendenti che mi aveva mostrato siano compatibili con le mostre mercato di giardinaggio e nel dubbio, avendo a che fare con una hobbista dichiarata che non lo fa per vivere, ho chiesto di astenersi dal presentare ulteriori rimostranze nella mia posta elettronica perché la decisione era presa.

rosetta-primaverile

Ho buttato via decine di messaggi in cui la pubblicità è velata, la necessità di incassare impellente, il tono amichevole d’obbligo. Tutti ti danno del tu, ma qualcuno, sapendo che so quel che non dovrei sapere, non mi manderebbe l’email che invece arriva in automatico a tutta la mailing list. Avendo già molto vissuto e praticato il mondo del verde italiano, ho la mappa dei figli che hanno tradito i padri, dei plurifalliti che si sono inventati subito un’alternativa in un ambito affine, di oscuri travet che hanno deciso di dare con i media la scalata al G.I.T. (Giardinaggio Italiano Teorico) per essere qualcuno, dei sedicenti vivai che comperano le piante quasi per intero in Olanda e dai grossisti italiani, quelli che sì lavorano e spesso sono alla canna del gas. Al di là della mia indignazione, c’è la realtà di gente che un giorno dopo l’altro con il proprio comportamento dirotta chi vuol davvero appassionarsi al giardino e alle piante e lo manda lontano sulla strada sbagliata. Tra messaggi nella posta elettronica, mezze frasi colte su Facebook, collanine  crescenti nelle manifestazioni di giardinaggio, si annuncia un significativo peggioramento della civiltà. E pensare che a suo tempo avevo scelto questo settore perché ha a che fare con l’armonia dei giardini e la bellezza dei fiori.

Advertisements

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

One thought on “Presentimenti

  1. grazie
    grazie
    grazie
    non avrei mai saputo scrivere così chiaramente e semplicemente quello che provo anche io , tanta rabbia per tutti quegli affaristi che pensano di poter prendere per il naso le persone che amano il verde , il vero verde quello che la natura ti permette di godere senza essere violentata e pompata da veleni e ormoni.
    grazie ancora
    Enrica B.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...