I tulipani diversi di Villa Pisani

Villa-Pisani-I-bulbi-di-Evelina-9-aprile-2017

Fioriscono i 60.000 tulipani “diversi” di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin a Vescovana (PD) e io faccio pochi scatti nelle ore della sera e molti pensieri. Per esempio: 1) Chi lavora per tempo e sa guardare avanti, un giorno raccoglie le soddisfazioni: vale per tutto, non solo per il giardino. Ma perché questo succeda bisogna essere visionari, credere segretamente nelle utopie, investire, fidarsi della natura e delle proprie capacità, non contare le ore e i giorni di lavoro: 2) La meraviglia di questo ettaro e mezzo di tulipani e prato non ha niente a che vedere con tutti i giardini che mostrano in queste settimane numeri iperbolici di tulipani fioriti, a cominciare dalla novità di quest’anno, dai ragazzi olandesi che a Milano ti fanno raccogliere mazzi (costosissimi) di tulipani a chilometro zero in un campo, che in estate darà il vero reddito, cioè i bulbi. Ovvero una geniale operazione: nient’altro che business da una parte e consumismo dall’altra, con un colpo d’occhio notevole dal punto di vista cromatico solo per chi non ha mai visto in Olanda un campo di tulipani da reddito o in Italia in alcuni grandi giardini (Villa Taranto, Pralormo, Parco Sigurtà) un allestimento tradizionale ben concertato. Qui a Villa Pisani è l’integrazione di natura e cultura paesaggistica a fare la differenza, la fusione morbida e pressoché casuale dei colori dei tulipani in dialogo con la dolcezza primaverile di un prato spontaneo e tutto il suo corteggio di fiori soffici. Io sono orgogliosa dei ranuncoli gialli totalmente spontanei che sanno rendersi indispensabili per i tulipani che, uno qui e uno là e in colori un po’ da Arlecchino, sarebbero solo una punteggiatura diluita e cromaticamente inconsistente; 3) la luce fa tutto: mantiene freddi i colori la mattina e li scalda nel pomeriggio. La sera i raggi bassi del sole mettono in rilievo i contorni delle cose e i soffioni dei tarassachi diventano migliaia di giocose sfere semitrasparenti che catturano la luce e la diffondono tra i fili d’erba, nei tappeti bluette di Ajuga reptans… Il controluce libera la potenzialità dei colori, dei volumi, dei margini. Restituisce dignità individuale ad ogni dettaglio della vegetazione; 4) se vedi due persone sedute a godersi insieme e in silenzio la scena nel tempo dell’ultimo sole, non puoi non pensare che la felicità è solo questo e provi un po’ di invidia per il coniglietto nero che si muove senza timore, adagio, nell’erba bassa, in fondo unico e inconsapevole padrone del luogo e della situazione.

 

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

2 thoughts on “I tulipani diversi di Villa Pisani

  1. Che bello. Anche io proferisco un giardino più naturale e benché adori i tulipan non mi piacciono le loro aiuole monoflora. Mi ricordo moltissimi anni fa, appena sposati, vivevamo come ora in campagna, e mio marito era in giro da solo a cercare gli asparagi selvatici, quando arrivò in un campo di tulipani inselvatichiti. Rimase folgorato! Li aveva fatti piantare la padrona di quel podere, che era di Roma e forse non li aveva mai visti fioriti. Erano tornati ad una forma più vicina a quelle spontanee, ed erano un pò più verdi ed elegantissimi. Me ne portò un mazzo. Non vidi mai il campo fiorito e mi rimane il desiderio di fare la stessa cosa, ma qui ormai bisogna recintare per avere un campo di tulipani, o di scille. Troppi cinghiali.

    Mi piace

  2. Grazie per avermi fatto scoprire tanta bellezza!! Ed altrettanto grazie per avermi fatto scoprire la simpatia di Mariella Bolognesi. Come promesso, arrivederci a giardinity!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...