Una foto una storia dal 28 febbraio 2018

La foto della testata del blog dal 28 febbraio 2018
Viole per un pensiero

Oggi in un attimo di sole sfuggente, fotografando le piccole viole del pensiero in una cassetta da balcone incuranti della neve e dei tanti gradi sotto zero, ho pensato alle esclamazioni che avrebbe fatto mia madre, che ha lasciato questa vita e queste piccole meraviglie della quotidianità giusto 31 anni fa, l’ultimo giorno di febbraio. Avrebbe esclamato ancora di più se le avessi detto che sono nate da sole dai semi delle violette del pensiero dello scorso anno. Cresciute e fiorite in un inverno poco invernale quassù sulle Prealpi e oggi allegramente esposte al gelo e alla neve. Forse per darmi la possibilità di un pensiero a chi mi ha dato la vita. Poi finisce febbraio e si comincia a guardare avanti aspettando che i cicli riprendano e la primavera ci riempia di altre potenti commozioni.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...