Tra agricoltura e turismo

Fuerteventura è la più desertica delle Isole Canarie. I suoi 1650 chilometri quadrati sono costellati di antichi vulcani e di ciò che essi hanno lasciato nel tempo: sassaie gigantesche, pendii brulli a perdita d’occhio, sabbie portate dal vento nella fascia a ridosso del mare. L’aria salmastra, i venti asciutti, la mancanza di acqua, la temperatura […]

Continua a leggere

Piccoli assassini quotidiani

Esco di casa in una domenica di gennaio straordinariamente tiepida (14 gradi sulle Alpi) e trovo il tiglio ottuagenario, ora dei miei nuovi vicini, pressoché assassinato. Dico: ma che avete fatto, perché lo avete conciato così? Risposta: io ho guardato come si fa su internet, dice di fare così.  Disperante, si prega di notare nella […]

Continua a leggere

Per una primavera profumata

Il garden center Peraga non è lontano da casa mia e, per quanto il mio consumismo sia minimo (di questi tempi più che mai), mi piace andarci di tanto in tanto per fare shopping perché ha sempre le ultime novità internazionali e un occhio di riguardo per il bio (da qualche anno anche con il […]

Continua a leggere

Tre libri al giorno – terza puntata

Ho messo insieme tre libri molto diversi tra loro, d’altronde queste sono le principali letture che ho fatto da agosto ad oggi: le più disparate. Uno dei libri è un po’ una delusione, uno una piacevole scoperta, il terzo un invito ad affrontare la cura delle piante da altre prospettive. Lucilla Zanazzi  Uomini e Piante. […]

Continua a leggere

Potature d’agosto

Come è strana la vita. Ho perseverato per vent’anni nella politica – per qualcuno utopica, per i vicini scellerata, per me essenziale – di creare angoli di giardino e poi di renderli accoglienti per la natura. Sono stata giardiniera nella misura in cui sono stata amministratrice di risorse solo parzialmente riconducibili a me. Vent’anni fa  […]

Continua a leggere

Alberi da frutto a 1500 metri

Una lettrice del blog mi ha scritto per porre un quesito di frutticoltura al quale io solo in parte sono in grado di rispondere. Posso indovinare le specie più adatte, ma non ho conoscenze sufficienti per sapere quali varietà possono fruttificare bene a 1500 metri. Mi fermo a più ragionevoli 800 metri. Chiede la mia […]

Continua a leggere

Nel frutteto con il maestro giardiniere

I vecchi contadini dicono che tutti o quasi i buoni risultati nel frutteto dipendono dai lavori di febbraio. Siccome di rado i contadini sbagliano, bisognerà una buona volta dar retta ai loro consigli. E allora chiedo a Carlo Pagani, che si fregia del titolo di maestro giardiniere ma è, nel senso più bello e completo […]

Continua a leggere