Kerdalo, Bretagna. Un anno fa

kerdalo-veduta-dinsieme-del-parterre-di-erbacee-perennikerdalo-pagodekerdalo-canalkerdalo-il-lagokerdalo-corso-dacqua

Stamattina mi sono svegliata con questo pensiero: un anno fa ero in Bretagna. E quanta voglia di essere ancora nel giardino di Kerdalo. Costruito dal principe Peter Wolkonsky nel 1965, sembra essere sempre esistito in quel luogo, una valletta percorsa da un corso d’acqua che fa da filo conduttore per tanti allestimenti diversi.  Qualcuno li definisce post moderni, ripresa di “diversi stili storici e schemi di piantagione tipici di molti climi e fasce di vegetazione del mondo” (così dice The Garden Book). Un posto un po’ magico, forse perché insieme al disegno architettonico stupendo e alla formidabile scelta di piante rare mostra senza reticenze e falsi pudori amore e ambizione di chi lo governa. mappa-di-kerdalo1isabelle-wolkonskyMi sono soffermata a parlare con la proprietaria, Isabelle Wolkonsky e a farle i meritati complimenti. E lei, più di tutto, ha voluto ricordare che se Kerdalo è ancora vivo e in efficienza lo deve all’aiuto del marito, il paesaggista Timothy Vaughan. Entrambe affacciate dalla balaustra belvedere sul Jardin des quatre carrés (uno dei più bei giardini di erbacee perenni che io abbia mai visto, un tempo orto della fattoria) mi ha raccontato le traversie di questo luogo, non solo per la morte nel 1997 del fondatore, suo padre, ma soprattutto per ricorrenti problemi climatici: siccità, gelo, un nubifragio nel 1987 che s’è portato via 179 alberi, seguito da un altro che ne ha sradicati 150 e un’inondazione nel 2000 che ha sommerso completamente il giardino di perenni che stavamo osservando insieme, così articolato, ricco, ben costruito, ben governato, meravigliosamente pavimentato a scacchi d’erba e galets, ciottoli posati ia formare un disegno geometrico. E lei che diceva: “No, no, non è ancora perfetto, ma dovete capire: lo abbiamo ripiantato solo nell’autunno del 2004, non può ancora essere perfetto”.

kerdalo-bordura-parterre-lato-ovestkerdalo-graminacee-e-geranium-parterrekerdalo-bordure-parterre-lato-estkerdalo-bordure-parterre-graminaceekerdalo-grotta-italiana

Questa ansia di perfezione e il rincrescimento di non averla ancora raggiunta, seppure per cause esterne alla propria volontà, emerge persino dalla brochure che, ancor prima di raccontare le bellezze e i pregi del luogo, all’interno della copertina enumera i problemi a cui va incontro “un mondo fragile, in balia del clima, dei mutamenti climatici, delle intemperie e dell’inquinamento”. Il taglio riduttivo di Isabelle non ha impedito che Kerdalo nel 2005 ottenesse dallo Stato francese la qualifica di “Jardin remarquable”, un privilegio concesso a circa 200 giardini in tutta la nazione. Io ci tornerò; se qualcuno vuole fare altrettanto può cercare qualcosa su internet, oppure mandare una kerdalo-bordure-blu-davanti-al-palazzomail all’indirizzo kerdalo@wanadoo.fr o telefonare al n. 0033-2-96923594. Kerdalo kerdalo-tronco-eucaliptusè aperto di norma il lunedì e il sabato dalle 14 alle 18 in primavera, l’intero primo week-end di giugno e tutti i pomeriggi, esclusa la domenica, in luglio e agosto; il resto dell’anno solo su appuntamento.

Annunci

Pubblicato da

Il mio nome è Mimma Pallavicini, sono una giornalista specializzata, una cosiddetta “giornalista del verde”, da oltre 25 anni e ancora non so dove stiano i confini tra la professione e la passione per le piante, i fiori, i giardini, interpreti e partecipi della mia visione della vita. Così non mi pare vero creare una nicchia per dire ciò che altrimenti non avrebbe modo di essere detto: ogni giorno vivo esperienze, pensieri e percorsi professionali che con le piante e i giardini hanno a che fare e che sarebbe un peccato non fissare e non condividere. Benvenuti da queste parti, e grazie se vorrete sostare in nome dell’informazione e partecipare in nome di un’emozione che ci accomuna.

One thought on “Kerdalo, Bretagna. Un anno fa

  1. I was reading about your garden” The Kerdalo” in The Financial Times on September 12, 2010, which has amazing history.

    I want to visit your paradise
    To dance with flowers and bushes
    And sing with birds
    I want to be there
    Even for one day

    I don’t know when
    But must
    There are many breaths there
    Russian*
    Armenian**
    English***

    All created the beutiful Brittany
    And many breaths of French gardeners
    All worked hard
    To create that soulful garden
    Through the years
    Of many ethnicities
    From Napolion’s wars

    I can smell Kerdalo’s herbs
    Even through the Internet
    I can see the squaires on the grounds
    Arranged like a Chess Board with green grass
    And beutiful shiny stones from Brittany’s shores.

    If the children see that patues
    They will run and will play crossings—
    Their happy walce.

    (c) Sylva Portoian,MD

    September 18, 2010
    ___________________________________

    * Russian (Prince Peter Wolkonsky)
    ** Armenian (Meriam Nubar,daughter of Armenian Eggyptian businessman
    and philanthropist;probably related to famous Boghos Nubar Pasha)
    ***English( their daughter,Isabelle Wolkonsky who married to British, Timoty Vaughan)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...